mercoledì 30 aprile 2014

Homemade cooking - Cookies

Rieccomi qui! Come avete passato feste e ponti vari? Io bene ma mi sono ritrovata con un po' di cioccolato fondente delle uova di Pasqua da smaltire... E così ho voluto provare una ricetta che ho trovato su un libro che avevo in casa: i cookies americani. Non ho idea se sia una ricetta originale di quei biscottoni con le gocce di cioccolato che si vedono nei film/telefilm americani ma ho provato e sono soddisfatta del risultato... :-)
Vi riporto le quantità indicate nella ricetta ma, essendo la prima volta che provavo, ho dimezzato le dosi di tutti gli ingredienti e ho ottenuto 15 biscotti abbastanza grandi (tipo 7-8 cm di diametro per capirci).

Cookies americani con gocce di cioccolato e corn flakes... Non bellissimi ma belli croccanti :-)

Ingredienti

250 g di burro (meglio un po' meno tipo 200 g)
250 g di farina 00
200 g di gocce di cioccolato (io ho usato il cioccolato delle uova)
150 g di zucchero
150 g di corn flakes
2 uova
1 bustina di lievito per dolci in polvere

Procedimento

Per prima cosa ho tritato grossolanamente con un coltello il cioccolato fondente delle uova. Poi ho sciolto il burro a bagnomaria e, dopo averlo tolto dal fuoco, ho aggiunto lo zucchero e mescolato fino ad ottenere un composto omogeneo senza grumi.
Ho lasciato raffreddare un po' e poi ho aggiunto le uova e mescolato bene. Poi ho versato il composto in una terrina e ho aggiunto farina e lievito (andrebbero setacciate anche se io non l'ho fatto, basta fare un pochino di attenzione quando si mescola) e ho continuato a mescolare.
A questo punto ho aggiunto i pezzetti di cioccolato e i corn flakes tritati grossolanamente. Dopo un'ultima mescolata ho avvolto nella pellicola trasparente e lasciato un quarto d'ora a riposare nel freezer.
Dopo aver rilavorato un attimo il composto ho creato delle palline con le mani e poi le ho messe sulla placca rivestita di carta forno ben distanziate perchè il calore scioglie il burro e tendono ad appiattirsi e allargarsi parecchio.
Per la cottura la ricetta dice 150°C per 10 minuti in forno preriscaldato, ma io ho lasciato cuocere più a lungo e alzato a 160°C.

Voilà! A presto!

sabato 19 aprile 2014

Pensierino per Pasqua

Ehilà! Eccorci arrivati a Pasqua! Io mi sono ridotta a preparare un pensierino proprio all'ultimo, giusto perchè le cose fatte con calma non ci piacciono... :-)
Su Pinterest ho trovato un graziosissimo cestino che sembra complicato ma in realtà basta intrecciare strisce di carta facendo passare le strisce orizzontali una volta sopra e una volta sotto quelle verticali, magari blocccando dove necessario le estremità con mollettine o clip. Ok, non si capisce niente da come ho spiegato ma vi rimando al blog con il tutorial: è scritto in inglese ma le fotografie mostrano molto bene tutti i passaggi.
Inoltre, mi è piaciuto molto perchè è anche un modo per riciclare i sacchetti di carta che danno nei negozi!



Io ho deciso di cambiare le dimensioni perchè volevo ottenere un cestino in cui mettere qualche ovetto di cioccolato. Se vi può essere utile, io ho tagliato striscioline lunghe 40 cm e larghe 3,5 cm (nel tutorial originale è indicato 4,5 cm circa) e le ho piegate in tre parti in modo che esternamente non si vedessero bordi dai tagli netti (e magari storti!). Al posto della colla caldo ho usato colla roller e qualche goccia si colla liquida.
Una volta pronto il cestino ho aggiunto due fiocchetti e un fiorellino di feltro con un bottone al centro. Infine, ho aggiunto qualche strisciolina di velina per fare un po' di volume e gli ovetti di cioccolato (per la cronaca, ho scoperto che esistono gli ovetti come il nocciolato che venodno a Natale! Sono pazzi!!! Subito mie!!!). Et voilà! Cestino pronto!

Buona Pasqua a tutti!!!

giovedì 10 aprile 2014

Scrap-Guida #6 - Strumenti da taglio

Cosa ce ne facciamo di carta e colla senza qualcosa per tagliuzzare?! Ecco, allora oggi parliamo di strumenti da taglio.

  • Forbici: tutti ne abbiamo un paio in casa e nello scrapbooking servono sempre. All'inizio possono bastare ma, quando si tratta di tagliare linee dritte, vi consiglio presto un "upgrade" alla taglierina che semplifica notevolmente le cose perchè, se siete come me, rischierete di trovarvi tagli a "sentiero di campagna"!
  • Forbici decorative: sono quelle forbici con le lame sagomate con cui spesso si divertono i bambini. A volte si trovano anche in kit e permettono diversi tipi di taglio: zig zag, ondulato, dentellatura a francobollo ecc... Sono molto carine per avere effetti diversi ma ovviamente hanno il difetto delle normali forbici, cioè la difficoltà a seguire linee dritte. 

Forbici normali e decorative con alcuni esempi di sagomature

  • Taglierina (talvolta indicata come taglierina portatile): prima di scoprire lo scrapbooking non sapevo neanche che esistesse, comunque si tratta di uno strumento che permette di fare tagli precisi grazie ad un cursore dotato di lama che scorre lungo un righello. Alcune possiedono anche una parte estraibile, sempre graduata: in questo modo non serve segnare con matita a quanti centimetri vogliamo effettuare il taglio ma basta far scorrere il foglio alla distanza desiderata. Questo probabilmente è uno dei primi acquisti da effettuare perchè è più preciso, rapido e meno "faticoso" rispetto alla combinazione riga/cutter/forbici. Esistono di diverse marche, prezzi e dimensioni: avendo a che fare con carte da scrapbooking sono 30,5x30,5 cm vi consiglio di controllare che arrivino a 31cm altrimenti si rischia di non riuscire a utilizzarla con i formati più frequenti con cui abbiamo a che fare. Tuttavia, ho notato che spesso viene indicato semplicemente "A4" (il formato A4 corrisponde a 21x29,7 cm) o "30 cm" ma in realtà arrivano anche oltre quindi si possono utilizzare senza problemi. Alcune permettono di sostituire il cursore ed eseguire una cordonatura, cioè la piega del foglio, altre hanno diverse lame per tagli ondulati o tratteggiati per lo strappo. Esistono anche lame di ricambio da sostituire quando il taglio non è più netto.

Taglierina con braccio estraibile


Come tagliare una striscia di cartoncino larga 5cm

  • Cutter: tutti abbiamo presente il taglierino con la lama estraibile che si trova nei negozi di fai-da-te e questo è quello che ho utilizzato fino a poco tempo fa insieme ad una riga da 50-60cm per sostituire la taglierina nei rari casi in cui ho a che fare con fogli grandi. In realtà, sotto il nome di "cutter" esistono una varietà di strumenti più adatti a lavori di precisione che tra poco vi andrò a illustrare. Insomma, essendo una via di mezzo tra forbici e taglierina, il cutter normale lo uso solo per tagli dritti e lunghi ma se posso evito perchè è un po' scomodo.
  • Cutter a bisturi: in questo caso la lama non è estraibile ma è fissa e ha una forma appuntita tipo triangolare. Molto utile per lavori di precisione, infatti lo vedo usare spesso da chi pratica decoupage perchè permette di andare negli angoli e tagliare dettagli moto piccoli.
  • Cutter a lama rotante: ecco, qui potrebbe esserci un po' di confusione perchè googlando "cutter a lama rotante" si trovano sia cutter a rotella (principalmente utilizzati per tagliate la stoffa) che taglierine, ma anche cutter con la lama che gira a 360°. Quindi, togliendo la taglierina di cui ho già parlato, faccio una ulteriore suddivisione ma sappiate che con lo stesso nome si possono indicare questi tre diversi strumenti. Allora:
    - Cutter a rotella: somiglia a quello che si usa in cucina per tagliare la pizza ma è il cutter usato soprattutto per tagliare la stoffa, quindi è più uno strumento da sarta, ma è comunque utilizzabile carta, cartoncino, feltro ecc... La lama può essere di diversa dimensione a seconda delle necessità e anche in questo caso dopo vari utilizzi potrebbe essere necessaria la sostituzione.
    - Cutter a lama rotante: ha la caratteristica di avere una lama a bisturi molto piccola che può ruotare di 360° permettendo così di seguire facilmente il contorno di una figura senza la necessità ruotare il polso poichè la lama si orienta automaticamente in base ai nostri movimenti sulla carta. Anche in questo caso trattandosi di una punta fine è possibile eseguire lavori di precisione. Lo stesso meccanismo è montanto sul ShapeCutter della Fiskars che abbinato a mascherine di plastica permette di tagliare varie forme con molta facilità.

Cutter e cutter a lama rotante (mini lama a bisturi che ruota di 360°)

  • Tappetino da taglio (cutting mat): non è uno strumento da taglio ma è indispensabile per utilizzare i vari cutter visti sia per riparare il piano di lavoro sia per non rovinare le lame. Questi tappetini sono autorigeneranti, cioè sono in grado di assorbire il taglio senza lasciare graffi e permettendo alle lame di durare di più.
  • Fustelle/Perforatrici/Punch: si tratta strumenti in grado di imprimere tagli alla carta (talvolta anche tessuti) di varie forme, da quelle geometriche a quelle più fantasiose: basta inserire il foglio nella fessura e premere la leva o il pulsante e si ottiene la sagoma. In realtà è possibile utilizzare sia la sagoma tagliata che il "negativo". Alcune permettono di rifinire gli angoli di un foglio oppure i bordi: personalmente tra tutte trovo davvero utile quella che arrotonda gli angoli, la uso sempre! Lo svantaggio è che per come sono costruite possiamo tagliare forme soltanto vicino al bordo del foglio, però nel web ho visto che esistono punch divisi in due parti che vengono unite attraverso la carta per mezzo di calamite e quindi possono essere posizionate anche al centro del foglio (tuttavia non ne ho mai viste dal vivo). Tra le fustelle si trovano anche delle mascherine metalliche che possono essere utilizzate dalle fortunate posseditrici di Big Shot (ahimè non sono tra queste quindi mi limito a guardare a distanza tutti quegli aggeggini appesi nei negozi e la fantomatica macchinetta).

Vari tipi di punch a leva

That's all folks! Alla prossima! :-)
 

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...